Background Image

Un' occhiatina

Christine Colin

Pic Image Image Image


Christine Colin

Les parcelles

Vedere le opere
Dal 10/12/2021al 11/06/2022
Christine Colin vive e lavora in Alsazia. Ha ottenuto un Master in Arti Plastiche dopo aver studiato all'Università Marc Bloch di Strasburgo tra il 1994 e il 1998.
Artista visiva multidisciplinare (disegno-incisione-pittura-creazione di logo), ha lavorato per diversi anni sul tema della radice "Paesaggi sotterranei", poi della vite. Il punto di partenza del suo lavoro è stato quello di rappresentare l'invisibile, il lato nascosto della vita senza il quale la parte visibile non potrebbe esistere, il lato nascosto che alcune persone pensano sia inaccessibile. Lei scrive "la radice è per l'uomo ciò che lo spirito è per il corpo". Il soggetto è la pianta, ma il rapporto con l'uomo è onnipresente sia nella forma che nel simbolismo.
Nei suoi dipinti e disegni, rimarrà fedele a questo tema, aprendo poi una nuova prospettiva con la vite, questi piccoli alberi antropomorfi che finiscono per assomigliare alla persona che li pota, a meno che non sia il contrario!  
Nell'opera di Christine Colin, c'è una perpetua interrogazione del paesaggio suggerita a volte da una linea d'orizzonte dritta e astratta, a volte da una macchia che evoca una montagna, sempre in una "scrittura" poetica; "Ciò che non vediamo è immenso" scrive. Le prospettive sono al servizio dell'espressione, con variazioni del punto di vista e del punto di fuga.
Come per molti di noi e per molti artisti, periodi successivi di reclusione cambieranno la situazione. Christine Colin ha deciso di vivere la sua vita e lavorare in totale immersione nel suo studio. . studio; questo ritiro dal mondo esterno, questo avvicinamento a se stessi, è durato all'inizio sei mesi. La natura, che gli è tanto cara, rimane al di là della finestra e dei muri, trasportandosi ora in un'altra natura, indubbiamente diversa ma complementare, silenziosa ma altrettanto viva all'interno. Il suo lavoro prende un'altra forma, diventa più plastico, incisioni, monotipi, ma sempre linee, vuoti e pieni, linee, ombre, tracce; i soggetti sono spesso estratti dalla sua pattumiera e dai suoi scaffali: scatole da imballaggio appiattite, set di costruzione, stampe di oggetti scartati, tutto è soggetto alla sua immaginazione e alla sua creazione! Un riciclaggio artistico!
Le piace citare alcuni amici che hanno condiviso mostre con lei: Christine Valcke, Daniel Humair, Jean-Marc Scanreigh, per esempio.
Dalla metà degli anni 90, Christine Colin ha esposto il suo lavoro in numerose mostre collettive e personali in tutto il mondo, a Londra, Belfast, Helsinki, Tromsoe, Ginevra, Tokyo, Bruxelles, Basilea, ma anche in Francia (Bordeaux, Strasburgo, Parigi, Colmar, ecc).
Speriamo che vi piaccia, come a noi, scoprire il bellissimo lavoro di questo artista!


Precedenti Occhiatine ...